Le professioni di aiuto


Psicologo, Psicoterapeuta, Psicoanalista, Psichiatra, Counselor… Chi sono? Conosci la differenza tra queste professioni?

A quale professionista possiamo rivolgerci se la necessità è quella di chiedere un supporto in caso di problemi legati alle emozioni, alle relazioni, al modo di affrontare il passato, il presente e il futuro?

Psicologo

Lo Psicologo è laureato in Psicologia ed è abilitato all’esercizio della professione, dopo aver superato un esame di Stato.
Se esercita la professione è regolarmente iscritto all’albo degli Psicologi e può essere verificato tramite L’albo Unico Nazionale dell’Ordine degli Psicologi.

Lo Psicologo è tenuto al rispetto del relativo Codice Deontologico, l’ordinamento della professione dello Psicologo è stabilito dalla Legge 56/89. L’Art. 1 esplicita:

La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.

Inoltre, il Decreto del Presidente della Repubblica n. 328 del 2001 ha modificato e integrato la disciplina dell’ordinamento della professione, vedi l’Art. 51.

Lo Psicologo, quindi, interviene per:

  1. la prevenzione;
  2. la diagnosi;
  3. la riabilitazione;
  4. il sostegno in ambito psicologico;
  5. la sperimentazione;
  6. la ricerca;
  7. la didattica.

Lavora con le singole persone, il gruppo, gli organismi sociali e le comunità; opera sia nel settore privato che nel settore pubblico.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

  • Colloquio Psicologico;
  • Test psicologici.

Psicoterapeuta

Lo Psicoterapeuta è uno Psicologo o un Medico, iscritto al proprio Albo professionale, che ha frequentato una scuola di specializzazione post universitaria di almeno 4 anni riconosciuta dal M.U.R.S.T. (Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica), ed è iscritto nell’Elenco degli Psicoterapeuti del proprio Ordine regionale di appartenenza.

Lo psicoterapeuta aiuta le persone che si accorgono di non saper controllare o gestire i propri pensieri, le proprie emozioni, i propri comportamenti e di sperimentare un progressivo peggioramento nella qualità della propria vita.

Attraverso la psicoterapia è possibile capire meglio cosa sta succedendo, trovare un sollievo dalla propria sofferenza e risolvere il problema.

L’area di intervento dello psicoterapeuta comprendere sia il miglioramento del benessere e della qualità della vita, sia la risoluzione di patologie psicologiche.

Lo psicologo psicoterapeuta non può prescrivere  farmaci in quanto non abilitato dalla sua formazione professionale; il  medico psicoterapeuta, in quanto medico, ha invece questa competenza e  idoneità.

Psicoanalista

Lo Psicoanalista è uno Psicologo che ha scelto di proseguire i propri studi specializzandosi in una scuola di psicoanalisi.

Psichiatra

Lo Psichiatra è laureato in Medicina e Chirurgia. Ha sostenuto l’Esame di Stato ed è tenuto al rispetto del Codice Deontologico dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri.

Un medico, dopo la laurea e l’iscrizione All’albo, diventa psichiatra dopo aver frequentato una scuola di specializzazione in Psichiatria della durata di 4 anni frequentando una clinica universitaria.
Si occupa di diagnosi e cura delle malattie mentali nei Servizi Sanitari di Salute Mentale nelle Aziende Sanitari Locali e nelle Aziende Ospedaliere. Come molti medici, il suo approccio terapeutico è curare il sintomo, spesso con una terapia farmacologica.

L’area di intervento dello psichiatra è quello della patologia.

Counselor

Il Counselor è un professionista che proviene da un percorso universitario qualsiasi, ha completato uno specifico percorso di formazione di 3 anni in una scuola di counseling; tuttavia non tutte le scuole hanno come criterio di ammissione l’aver completato un percorso di tipo universitario.

Il counselor si occupa di uno specifico problema per un periodo limitato nel tempo, nell’ottica di una consulenza finalizzata ad orientare il cliente sul percorso da seguire con un professionista della salute più competente.

L’aspetto critico di questa professione è che non è ancora stata regolamentata con un Albo e non esiste un codice deontologico da rispettare. Perciò per un cliente è più difficile capire se e come il professionista opera con scienza e coscienza.

Articoli correlati: