Pensieri disfunzionali


Le modalità di pensiero disfunzionali, sono distorsioni cognitive, errori di ragionamento. Convinzioni irrazionali su di sé, sul mondo e sul futuro.

Sarà facile ritrovarsi un po’ in tutte, ma ognuno scoprirà quelle che utilizza più spesso.

Pensare in bianco e nero

o ottengo la promozione o sarò un fallito

Vedere la realtà senza sfumature, in termini di tutto o niente, di sempre o mai. Le cose sono tutte buone o tutte cattive, sicure o pericolose, senza toni di grigio, senza vie di mezzo.

Generalizzazione

Se ora ho sbagliato, continuerò a sbagliare

Segue la logica di fare “di tutta l’erba un fascio”. Un evento negativo non è semplicemente qualcosa che in quella circostanza è andato male, ma è la prova che la vita è fatta solo di eventi negativi.

Fai attenzione a quanto spesso usi parole come sempre, mai, tutti, tutto, nessuno, niente.

Filtrare la realtà

non mi ha chiamato, non gli importa nulla di me

Quando pensi solo ai tuoi punti deboli e trascuri i tuoi punti di forza, ti dimentichi tutte le volte in cui hai avuto dei successi o neppure noti i tuoi piccoli successi, ignori le risorse che hai e le cose che sai fare.

Personalizzazione

sono io che gli ho rovinato la festa

Quando senza ragione attribuisci a te stesso tutta la colpa di qualcosa che è andato male. Quando ti convinci che qualcuno ti guarda male mentre invece è assorto nei suoi problemi o altro.

Catastrofizzazione

il colloquio è andato male, non troverò mai un lavoro

Quando pensi che un evento avrà conseguenze più gravi di quelle reali. Esageri l’importanza dei tuoi errori e insuccessi. Succede quando ti dici che le cose non potrebbero essere peggio di così, che è terribile, insopportabile, irrimediabile.

Doverizzazione

non devo sbagliare

Quando giudichi te stesso e gli altri sulla sola base di come uno “dovrebbe” comportarsi o sentirsi.

Leggere la mente

non mi ha salutato perché ce l’ha con me

Quando dai per scontato di sapere cosa pensa un altro senza chiederlo alla persona interessata o ad altri.

Etichettamento

sono un fallimento

Definire le cose con un’etichetta globale invece che facendo riferimento a cose specifiche, come ritenersi “un fallimento” piuttosto che ammettere di essere incapaci di fare una cosa specifica.

Minimizzare il positivo

l’esame è andato bene perché era semplice

ho avuto solo fortuna

Svaluti o squalifichi gli aspetti positivi. Le cose positive sono in contrasto con la tua visione negativa e vengono perciò minimizzate, attribuite al caso o a cause esterne.

Sopravvalutare le probabilità di un evento spiacevole

ho molte probabilità di morire in un incidente automobilistico

È vero che qualcosa può andare male e il mondo e gli uomini possono essere pericolosi, ma i rischi sono spesso minori di quello che comunemente si pensa. Chiediti e chiedi agli altri quanto è davvero probabile che ciò che temi avvenga veramente.

Ragionare in base alle emozioni

Mi sento giù, quindi le cose vanno sicuramente male

Quando dai per scontato che le emozioni che provi riflettano esattamente e univocamente i fatti: consideri cioè le reazioni emotive come la prova certa di un fatto.

Saltare alle conclusioni

non mi ha salutato, non avrà voluto vedermi

Quando da un particolare o da un’impressione arrivi alle conclusioni, spesso negative, in mancanza di evidenze sufficienti e certe.

Previsione

tanto so che andrà male

Quando pensi di poter conoscere già prima come le cose andranno a finire.

Eccessiva attenzione al passato

Quando pensi che dato che hai sbagliato in passato, sei destinato comunque a sbagliare anche in futuro. Chi dà eccessiva importanza al passato blocca la sua possibilità di cambiamento.

Giudicare globalmente le persone e non i loro comportamenti

Il non saper fare qualcosa o l’aver fatto uno sbaglio o un torto a qualcuno non significa che non si vale nulla. Puoi vedere i tuoi lati negativi, accettarti lo stesso e impegnarti a cambiare le cose che non ti piacciono in te stesso.

Pensare che ormai è troppo tardi per cambiare

Più a lungo dura una cattiva abitudine (ad esempio più a lungo eviti di fare qualcosa che ti sarebbe utile fare, ma che ti costa fatica o ti spaventa) più difficile è cambiare, ma ciò non significa che sia impossibile.

CONDIVIDI

Informazioni su Dr.ssa Anna Bruno

Psicologa e Psicoterapeuta. Aiuto le persone a ritrovare il benessere superando l'ansia, il senso di colpa, lo stress, i blocchi, i pensieri negativi e tutto ciò che limita la propria autorealizzazione. Mi trovi in studio a Livorno, Pisa e Online ovunque tu sia!